Il mal di testa, o cefalea, è un dolore tra i più diffusi in assoluto.

In questo articolo cerchiamo di capirne le cause, riconoscere i sintomi ed adottare le giuste cure.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ci dice che, il 47% della popolazione ne soffre almeno una volta all’anno.
Tutti, chi prima chi dopo, ci troviamo a fare i conti con il mal di testa ad un certo punto della nostra vita.
Può colpire chiunque, indipendentemente dall’età, dalla razza e dal sesso.
Le cause possono essere di vario tipo, dallo stress all’affaticamento fisico e mentale, ad una sofferenza emotiva.
Oppure, può nascere da fattori psichici e psicologici, come l’ansia, la depressione, l’ipertensione.
Inoltre, la cefalea proviene da disturbi come l’emicrania.

 

MAL DI TESTA E CONSEGUENZE SULLA NOSTRA VITA

Può portare chi ne soffre in maniera cronica ad isolarsi.
Non si riesce a stare in mezzo alla gente ed ai rumori che si sentono in certi ambienti affollati.
Le persone con emicrania cronica, ad esempio, possono avere difficoltà a frequentare il lavoro, e la scuola regolarmente.
È un problema da non sottovalutare poiché, può causare esaurimento nervoso creando problemi nelle relazioni sociali.
In questo articolo, cercheremo di capire cosa sia il mal di testa e, come riuscire a curarlo.

 CLASSIFICAZIONE

Ci sono diversi tipi di mal di testa che si distinguono tra loro per cause e sintomi.
La medicina li distingue  in:

  • mal di testa primari
  • mal di testa secondari

 

MAL DI TESTA PRIMARI

mal di testa, bere,idratare, succo di frutta medicinale per curareQuando sono causati da una predisposizione genetica, ovvero problemi provenienti da cause naturali all’interno della testa, che causano dolore.
Questi dolori nascono dai nervi e muscoli della testa e del collo, vasi sanguigni, ed anche da cambiamenti nell’attività chimica nel cervello.
I principali mal di testa primari sono:

Emicrania, mal di testa a grappolo e mal di testa da tensione.
Li vediamo meglio più avanti

 

MAL  DI TESTA SECONDARI

Sono secondari quando i mal di testa sono causati da altri fattori esterni, le cui cause non sono localizzate all’interno della testa.
I mal di testa secondari possono essere causati da una vasta gamma di fattori.

Questi includono:

  • coaguli di sangue
  • disidratazione
  • postumi di sbornia causati da un eccesso di alcol
  • “congelamento del cervello” o mal di testa gelato, bevendo liquidi freddi o prendendo freddo alla testa
  • tumore al cervello
  • digrignare i denti durante la notte
  • emorragia cerebrale con sanguinamento dentro o fuori al cervello
  • avvelenamento da monossido di carbonio che impedisce l’apporto di ossigeno al cervello
  • concussione cerebrale, o trauma cranico dovuto ad un urto alla testa, senza perdita di coscienza del soggetto
  • glaucoma; cioè una malattia dovuta all’aumento della pressione all’interno del bulbo oculare
  • influenza, con infiammazioni come sinusite, rinite, cefalite
  • abuso di antidolorifici, conosciuto anche come mal di testa di rimbalzo
  • attacchi di panico, stress, ansia, depressione sono tutte cause psichiche dai tratti psicosomatici, che causano il mal di testa ed emicrania
  • ictus, in cui un’occlusione a capillari o vene, impedisce un apporto sufficiente di ossigeno e nutrimenti al cervello, causando la morte delle cellule cerebrali

KRESTINA PRO, contrasta la caduta dei capelli, li rinforza e stimola la ricrescita, trattamento professionale d'urto

MAL DI TESTA – COSA FARE

Si capisce che, dietro un apparente semplice mal di testa può nascondersi una causa ben più grave.
Pertanto, quando questo dolore diventa sempre più forte e, tende a persistere a lungo, è meglio consultare un medico.
Lo stesso vale se il mal di testa si presenta regolarmente.
Per esempio, può capitare che un mal di testa sia sempre più doloroso dei precedenti mal di testa.
Esso peggiora o, comunque, non migliora con i farmaci.
Se i sintomi, poi, fossero febbre, allucinazioni, confusione e rigidità del collo, è meglio chiamare subito un medico.

 TIPOLOGIE

Ci sono diversi tipi di mal di testa, primari e secondari.

Possiamo distinguerne diversi tipi.
Le distinzioni possono indicare anche la parte coinvolta dalla cefalea.

I PIÙ COMUNI SONO:

1. Mal di testa da tensione
2. Mal di testa a grappolo
3. Emicrania

Le cause del dolore alla parte frontale della testa possono essere qualcosa di diverso da un dolore alle tempie, o alla schiena o al centro della testa.

 

1. Mal di testa da tensione

Tipo di dolore che coinvolge gli adulti e gli adolescenti. Provoca dolore intermittente nel tempo, con intensità da lieve a moderato.
Normalmente, non ci sono altri sintomi che accompagnano questa forma.
Le donne tendono a soffrire di questo mal di testa maggiormente, rispetto agli uomini.
I mal di testa da tensione si possono verificare a causa di ansia o tensione muscolare nel collo.
Le persone piuttosto soggette a questi tipi di mal di testa segnalano pressione, o senso di costrizione intorno alla loro testa.

 

2. Emicrania

ragazzo con mal di testa a martelloLe persone che soffrono di emicrania attraversano intensi dolori.
Il dolore che si può provare è quello di un martellamento continuo nella testa.
Tali sintomi possono durare da poche ore a 3 giorni e, possono verificarsi da una a quattro volte al mese.
Questi tipi di attacchi richiedono riposo e, non vanno d’accordo con l’attività fisica da sforzo.
Si possono provare anche altri tipi di sintomi, insieme a questo dolore.
Infatti, si possono avere disturbi associati come fastidio a rumori od alti toni di voce.
Oppure, si possono avere nausea o vomito, perdita di appetito e disturbi allo stomaco o ai muscoli addominali.
Anche la sensibilità alla luce, o agli odori, possono essere ulteriori sintomi che accompagnano l’emicrania.
Può capitare che un adolescente, colto da emicrania, appaia pallido in viso.
Egli può essere colto da febbre, mal di stomaco, capogiri e visione offuscata.

 

3. Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo è più rara degli altri tipi, ma molto più dolorosa.
Chi l’ha provata l’ha definita come “il più grave dolore che gli umani possano provare”.
Si dice che il parto sia il dolore più grande e che, al secondo posto, ci siano le coliche renali da calcoli.
Tuttavia, le donne, che hanno provato il dolore della cefalea a grappolo, confermano che è peggiore del dare alla luce un figlio.

 

 CHI NE SOFFRE

I casi di mal di testa a grappolo, sulla popolazione, variano da razza, a luoghi di provenienza.
La razza bianca ne soffre di più rispetto alle altre.
Generalmente, ne possono soffrire più gli uomini che le donne, con età media di 25 anni.

 

CAUSA DEL MAL DI TESTA A GRAPPOLO

La causa è un aumento di volume dei vasi sanguigni tra teschio e cervello.
Questi, gonfiandosi, premono sulle numerose terminazioni nervose, provocando questo tipo di mal di testa.

 

 SINTOMI DEL MAL DI TESTA A GRAPPOLO

Per descrivere il dolore, si può dire che è come una fitta lancinante ed angosciante.
Si ha bruciore intorno agli occhi con lacrimazione ed arrossamento.

Altri tipi di sintomi sono:

  • Congestione nasale, cioè il naso chiuso
  • Comparsa di edema palpebrale; i liquidi ristagnano sotto le palpebre a causa dei condotti lacrimali ostruiti.
  • Sudorazione frontale
  • Senso di agitazione
  • Arrossamento
  • Iperemia, cioè l’aumento del flusso sanguigno alla testa
  • Blefaroptosi, ovvero le palpebre fanno fatica ad aprirsi
  • Miosi, cioè la riduzione del diametro della pupilla
  • Fotofobia, che è la non sopportazione della luce, un’ipersensibilità degli occhi alla vista della luce
  • Anche la lacrimazione altera la luce fungendo da lente, provocando un maggiore fastidio.
  • Fonofobia, ovvero il non riuscire a sopportare i rumori
  • Sindrome di Horner con abbassamento della palpebra superiore, non più controllata dal muscolo
  • Nausea e vomito

 

MANIFESTAZIONI  “A GRAPPOLI”

Tutti questi sintomi tendono a manifestarsi in gruppi.
Per questo motivo, questo mal di testa viene definito “a grappolo” o cluster in inglese.

Può capitare da una a tre volte al giorno.
Arriva improvvisamente, ed improvvisamente svanisce.
Ma può capitare, invece, che abbia solamente abbassato la sua sensibilità senza sparire.
Il periodo del mal di testa a grappoli può durare da due settimane a 3 mesi.
Ogni crisi di dolore dura da 15 minuti a 3 ore e, può anche capitare durante il sonno.
Può svanire, oppure ripresentarsi anche dopo anni di tranquillità apparente.

 

cefalea, mal di testa a rombo di tuonoMAL DI TESTA A ROMBO DI TUONO

Un altro dolore improvviso e molto forte, forse ancor più forte di quello a grappolo, è il mal di testa a rombo di tuono.

Le cause e gli esiti possono essere molto gravi.
Quando si hanno questi attacchi, si deve tempestivamente farsi accompagnare all’ospedale.
Raggiungono la massima intensità in meno di un minuto e durano più di 5 minuti.
Questo tipo di male è spesso indice di pericolo di vita.

Le cause possono essere:

  • Meningite, infiammazione delle meningi dovute a contaminazione da batterio pneumococco, meningococco o emofilo del tipo B.
  • Emorragia Cerebrale per la rottura di un vaso sanguigno nel cervello.
  • Sindrome da Vasocostrizione Cerebrale Reversibile
  • Trombosi venosa cerebrale, dove un’ostruzione nella vena, o coagulo, impedisce l’apporto di sangue che trasporta ossigeno e nutrienti, causando la morte delle cellule.
  • Aneurisma, ovvero l’allargamento di un segmento vascolare, con pericolo di rottura e conseguente emorragia cerebrale.

Le persone che avvertono questo tipo mal di testa improvviso e forte, devono subito chiamare i soccorsi e farsi accompagnare in Ospedale.

FEBBRE, RILEVATORE DI TEMPERATURA, CORONA VIRUS, PANDEMIA, EPIDEMIA, VIRUS, TERMOMETRO, SENSORE DI CALORE

CAUSE CHE SPESSO SOTTOVALUTIAMO

Alcune cause possibili del mal di testa sono, spesso, sottovalutate dalla stragrande maggioranza di noi.
Eccone alcune:

1.Il fumare

Fumando, respiriamo sostanze nocive al posto di sana aria ed ossigeno. Quando fumiamo, immettiamo nel corpo oltre 4000 sostanze chimiche, molte aromatiche, da fumo, monossido di carbonio e catrame. Questo può provocare asfissia, astinenza e mal di testa.
Il mal di testa, analogamente al fumo, si ha anche quando si respirano altre sostanze, come solventi contenuti in colle e vernici.
Ovviamente, il consiglio è quello di smettere di fumare e, per gli ambienti saturi di sostanze intossicanti, dotarsi di mezzi di ventilazione forzata e protezione o aprire le finestre.

2. Il peso corporeo

Si è rilevato da alcuni studi che, chi è obeso, con un Indice di Massa corporea oltre 30, ha il 35% di probabilità in più di avere mal di testa.
Questa probabilità cresce all’80% per un IMC oltre 40.
Il chiaro consiglio è quello di dimagrire, per scongiurare rischi per la salute ben più gravi.

3. Stress

Lo stress porta con sé altri disturbi psichici, come irritabilità ed insonnia, oltre ad un’accelerazione cardiaca che portano il mal di testa.
Il consiglio è quello di imparare a rilassarsi e, trovare il modo di togliere lo stress.
Altri metodi molto validi sono la meditazione, lo yoga e l’ipnosi.
Tolgono la tensione, insieme al peso psicologico di ciò che la causa.

4. Disidratazionemal di testa, compressione delle tempie, dolore acuto, forte

La disidratazione provoca spossatezza, irritabilità, deconcentrazione e mal di testa.
Il consiglio è di bere, ma anche di mangiare cibi, come frutta e verdura.

5. I digiuni

I morsi della fame hanno come sintomi, i crampi allo stomaco, spossatezza e mal di testa.
Il consiglio è di fare piccoli pasti, più frequenti, per non incorrere in digiuni troppo prolungati.
L’Insonnia od il Jet Leg sono disturbi del sonno che portano irritabilità, stanchezza e mal di testa.
Il consiglio è di dare la giusta importanza al riposo, non solo per il corpo, ma anche e soprattutto per la mente.

 

POSSIBILI CURE

Ci sono 2 strade per trattare il mal di testa:

1) Con l’uso di farmaci, antidolorifici e rilassanti, contrastanti dello stress, ed antidepressivi.

2) metodi cosiddetti alternativi.

 

USO DI FARMACI

I farmaci per curare il mal di testa, quando non è dovuto a motivi gravi, sono i classici farmaci da banco (FdB).
Ricordiamo gli antidolorifici, analgesici, antistaminici, aspirina, ibuprofene, paracetamolo, rilassanti, anti infiammatori ecc..
Un buon consiglio è, sempre, seguire le indicazioni del vostro medico o del farmacista.
Il loro consiglio è importante, perché l’abuso di farmaci antidolorifici può portare a mal di testa di rimbalzo.
Nel caso si abbia questo tipo di dolore di rimbalzo, si deve ridurre o arrestare l’assunzione di farmaci antidolorifici.
Se necessario, potrebbe occorrere un breve periodo di degenza ospedaliera, per scongiurare ulteriori complicanze.

 

TRATTAMENTI ALTERNATIVI

agopuntura per curare il mal di testa,emicrania,
agopuntura per curare il mal di testa

Ci sono altre forme per trattare il mal di testa, che non prevedono l’utilizzo di farmaci.
Tuttavia, è sempre consigliato, preventivamente, il consultare un medico prima di iniziare qualsiasi cura alternativa.

Alcune cure alternative sono:

  • Prodotti a base di erbe officinali e nutrizionali
  • terapia per la gestione del comportamento e dello stress
  • agopuntura, dalla medicina tradizionale cinese che, sfruttando l’inserimento di finissimi aghi in punti nervosi precisi, toglie la tensione che causa il dolore
  • meditazione, con la quale si ritrova una calma interiore che si estende anche fuori della meditazione
  • Ipnosi, da persona qualificata (psicologo, psicoterapeuta, psichiatra)
    Durante l’ipnosi, ci si trova in uno stato di profondo rilassamento, come durante la meditazione.
    La differenza sta in chi vi induce alla trance, che vi può togliere tutte le preoccupazioni e le ansie che causano il mal di testa.
    Allo stesso tempo, può predisporvi meglio a non assorbire ulteriori cause di tensione e mal di testa.

Questi rimedi funzionano quando i dolori non sono frutto di malattie o carenze di qualche nutriente che, in tal caso, va integrato.

CALMA LA FAME, PIù ENERGIA, CARBOIDRATI, CONCENTRAZIONE

CONCLUSIONI

Le regole migliori per tener lontano il mal di testa, quando le cause non sono congenite e naturali, sono quelle che riguardano un sano stile di vita.

Una alimentazione sana equilibrata e varia; dormire le 7-8 ora al giorno; il non fumare od esporsi a sostanze nocive.
Ancora, il mantenere una costante attività fisica che, oltre al benessere del corpo, aiuta a scaricare i nervi e le tensioni accumulate; la gestione dello stress che causa molti altri sintomi e problemi, anche gravi.
Evitare rumori assordanti e prolungati, quindi, l’usare le protezioni adatte, quando necessarie.
Evitare di respirare fumo ed altre sostanze nocive.
Cercate di evitare sbalzi termici troppo alti, o sbalzi di pressione significativi.
Attenersi ad abitudini sane che ti fanno sentire bene, come un allenamento regolare, un sonno sufficiente ed una dieta sana.
Tutti questi comportamenti allontanano la probabilità di aver mal di testa, oltre che portare benefici anche alla vostra salute in generale.
Per sentirvi più sicuri, tenetevi monitorati dal vostro medico di fiducia.

 

LEGGI ANCHE:

Alimenti per una pelle sempre giovane

Benessere fisico, mentale ed intimo

Body Building e Caduta dei Capelli

Cervicale – Cos’è e come curarla, anche a casa

Chiropratica – Cos’è e quando serve

Dieta Chetogenica – Come funziona?

Dieta Detox-Èvalida e sicura?

Dieta Dukan – Efficace o dannosa

Dieta Mediterranea ed i suoi benefici

Dieta Paleolitica – Una dieta del Momento

Dieta Selvaggia- La Dieta N° 1 In America

Fitness e Bodybuilding – Una vera Ossessione (Una Storia Vera)

Ipnosi – Da spettacolo a terapia

Piedi – Benessere e salute del corpo